No Berlusconi Day: impressioni di dicembre

dicembre 6, 2009 § Lascia un commento

Ieri una grande manifestazione ha attraversato la città di Roma. Come sanno benissimo i danesi la cui televisione ha seguito in diretta tutto l’evento. Già perchè la nostra televisione di Stato ha ritenuto che le centinaia di migliaia, quanti di preciso difficile da stabilire forse un milione più verosimilmente la metà, di persone scese per strada a chiedere le dimissioni del Presidente del Consiglio non fossero di nessun interesse. Avranno avuto altro da fare evidentemente.

Comunque le telecamere non mancavano, molti videomaker indipendenti si aggiravano fra gli striscioni, ancora di più ho contato macchine fotografiche professionali e registratori vocali. Insomma ho l’impressione che non mancherà il materiale su cui rivedere, rielaborare e riflettere.

Mi ha colpito la presenza di tante famiglie e di persone anche anziane. Ho incrociato un gruppo di arzille vecchiette livornesi che sembravano quasi essere venute ad una festa. “E’ così bella questa piazza”, mi ha detto una, ed aveva ragione.

C’era molta voglia di ironizzare, direi quasi di ridere per non dover piangere, perchè l’indignazione non era da meno dell’allegria. Esemplare e diretto il cartello tenuto su da due ragazzi “Mi hai rotto il cazzo”. E così tra un Silvio in miniatura chiuso dentro una scatola di cartone a sbarre con la scritta “I have a dream” e una serie di lettere giganti di cartone che formavano la scritta “Dimettiti”. La manifestazione ha portato con sè tutte le opinioni, da quelle più accese a quelle più pacate, ma tutte dirette a rivelarsi a far vedere che c’erano. Ho avuto come l’impressione che un’enorme massa schiacciata, compressa, fino a quel momento silenziosa di parole, di cose da dire, di affermazioni da fare sia finalmente esplosa in un gesto liberatorio. Società civile ha detto qualcuno, questo non lo so, però era un bello spettacolo.

Ma non sono state tutte rose e fiori, mi è capitato di assistere ad un momento di tensione tra i ragazzi viola e un camion di Rifondazione Comunista, seguito da un centinaio di persone con la bandiera del partito. In pratica il camion voleva infilarsi in mezzo al corteo e i ragazzi urlavano “voi dovete stare dietro, questa è la nostra manifestazione”, quelli facevano finta di niente e cercavano di portarsi avanti, finchè un tipo con un enorme cappello viola si è piazzato davanti al camion e ha scandito: “prima il viola”. A quel punto i rifondaroli hanno rallentato e la cosa si è ricomposta. Ma non è stato un episodio isolato: dalle traverse laterali che portavano a Piazza dell’Esquilino spesso si sono infilati gruppuscoli con bandiere di rifondazione, comunisti italiani, persino del Pd. Ma la cosa non è passata inosservata, tanto che quando sono passato di fianco a Ferrero, il segretario di Rifondazione, ho sentito da dietro di me partire una bordata di fischi e anche un “va a casa”.

Diversamente, invece, da quanto accaduto a De Magistris, che ho visto marciare da solo, o meglio con alcuni amici, senza alcuna bandiera o distintivo ma solo una sciarpa viola. Diverse persone gli hanno chiesto una foto, e altri si fermavano per stringergli semplicemente la mano.

Con questo non voglio certo difendere l’Idv e accusare i partiti di sinistra “extraparlamentare” di aver giocato sporco, ma mi è sembrato di cogliere atteggiamenti diversi.  In questo pezzo che vuole essere una testimonianza delle mie impressioni, una cosa sicuramente ricorderò: la sensazione che molte persone si trovassero lì perchè avevano voglia di essere lì. Lo volevano fare e volevano sentirsi parte di qualcosa.

Cosa succederà dopo? Non ne ho idea, ma spero che quello che si è visto non resti un episodio isolato, ma possa costituire un primo passo per quantomeno ragionare su quello che significa oggi fare “opposizione” in questo Paese.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo No Berlusconi Day: impressioni di dicembre su Devilpress's Blog.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: