Politica: L’inverno del nostro scontento

gennaio 3, 2011 § 2 commenti

Tanti nomi, poco entusiasmo. Fotografia dell’inverno politico partenopeo, che si prepara a dare l’addio al Sindaco Jervolino che lascia dopo otto anni una pesante eredità. Napoli è ultima nella classifica del Sole24ore per la qualità della vita. Segnale “inquietante”, l’ennesimo verrebbe da aggiungere, della direzione che sta prendendo la capitale del mezzogiorno d’Italia.

E allora cosa dovrebbero fare i candidati alla poltrona di Palazzo San Giacomo? Come dovrebbero porsi rispetto alla disillusa popolazione partenopea? A questa domanda troveremo forse risposta in campagna elettorale, per ora bisogna notare che dei tanti nomi che si “succedono” non sembra di scorgere un Bassolino dei tempi che furono.

E a proposito dell’ex Sindaco ed ex Governatore: la sua ombra continua a “pesare” sul centro sinistra napoletano, di recente ha criticato le candidature alle primarie, non ci sono pretendenti “adatti”.

Certo farsi bocciare da chi oggi si trova sotto processo per il disastro della gestione commissariale, potrebbe essere motivo di vanto, e forse per qualcuno è anche così, ma resta la sensazione che quella di Napoli sia una partita che il Pd, e tutto il centro sinistra, sia già rassegnato a perdere.

Mentre il centro destra rischia clamorosamente di perderle queste elezioni. Il motivo? La nota “litigiosità” all’interno del Pdl che ha fatto dichiarare al Ministro Carfagna che ormai dentro il partito di Cosentino, Caldoro e Cesaro è “guerra tra bande”.

Dunque da un lato abbiamo i “fratelli coltelli” della sinistra partenopea, a partire dall’assessore Nicola Oddati, la cui candidatura sembra quasi uno “scudo” per proteggere la sua posizione nella gestione del Forum delle culture del 2013. Poi c’è Umberto Ranieri, coordinatore campano del Pd, Andrea Cozzolino, europarlamentare ed ex assessore alle attività produttive regionali, e da poco si è aggiunto anche Libero Mancuso, per Sinistra e Libertà.

Dall’altra parte del “cortile politico” invece  si fa rivedere Clemente Mastella, a volte ritornano si potrebbe titolare, che ha di fronte per il momento due avversari piuttosto “fiacchi”: Fulvio Martusciello e Marcello Taglialatela. Ma potrebbe ben presto vedersela con “un pezzo da 90”, ovvero la Ministra Mara Carfagna.

E qui potrebbero esserci anche delle novità, poichè la bella Mara è in rotta con il suo partito, colpa dei vari Cosentino e soci, e potrebbe essere “attratta” da un terzo polo che non è solo quello che si sta formando in Parlamento in questi giorni, Futuro e Libertà con l’Udc e l’Api di Rutelli, ma potrebbe vedere la “discesa in campo” di Luca Cordero di Montezemolo.

L’ex Presidente di Confindustria infatti, sta da tempo pensando di trasformare il suo “think thank” Italia Futura in un vero e proprio partito, e la sfida alla poltrona di Palazzo San Giacomo ha destato, per sua stessa ammissione, l’interesse del Presidente della Ferrari.

Il capoluogo partenopeo potrebbe quindi diventare il “laboratorio” di nuove formazioni, e forse anche “forme”, politiche? Staremo a vedere, da qui a Maggio la strada è ancora lunga.

Annunci

§ 2 risposte a Politica: L’inverno del nostro scontento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Politica: L’inverno del nostro scontento su Devilpress's Blog.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: