Rifiuti: In Basilicata “non succede mai niente”

gennaio 23, 2011 § Lascia un commento

“Il mito della Lucania felix, se mai avesse avuto fondamento, è finito. Non regge più, nemmeno come espediente mediatico”. Così si legge nel 2007 sul Corriere della Sera. A scrivere queste parole è un giornalista, Carlo Vulpio, che racconterà degli scandali del meridione in un libro, “Roba Nostra”, e la Basilicata vi rientra a pieno titolo.

E questo si capisce anche dalle inchieste, prima di tutte la famosa Cassiopea che indagava sullo smaltimento di rifiuti tossici dal nord al sud, e poi anche da altre piste “interne”, come il processo a carico di 19 imputati che, tra il 1995 e il 1998,  aveva evidenziato come 35mila tonnellate di rifiuti ferrosi altamente inquinanti, destinati ad un impianto in Sardegna, e provenienti da Crotone, fossero “scomparsi” durante il loro viaggio in Basilicata. In realtà sono stati seppelliti in alcuni terreni di Cassano Jonio.

Ancora, una recente inchiesta giornalistica, “Rifiuti connection in Basilicata”, ha sottolineato come la Basilicata sia diventata una pattumiera di rifiuti tossici ed industriali. Uno dei casi citati è quello della discarica di Pisticci. Impianto oggetto di indagini da parte dei carabinieri del Noe di Potenza, che vi scoprirono all’interno rifiuti tossici provenienti da Avellino. La tecnica era la solita, ben collaudata, del “giro bolla”. Si facevano partire i rifiuti pericolosi con il codice “Cer”, che li identifica, e lo si cambiava all’arrivo, facendoli risultare inerti.

La cosa sconcertante è che adesso un provvedimento regionale indica proprio quella discarica come luogo di nuovi conferimenti. E anche questo è un film già visto: in Basilicata infatti, le strutture atte a ricevere rifiuti sono al collasso e in mancanza di una raccolta differenziata e di impianti di incenerimento, la Regione continua a fare il “gioco delle tre carte”, spostando i rifiuti da una discarica all’altra.

Un dossier dei radicali lucani svela come in Basilicata, e in particolare nelle zone come quella di Pisticci, ci sia un’incidenza dei casi di tumore altissima. Eppure proprio gli autori della denuncia sono stati indagati “per procurato allarme”. Forse non lo sapevano che nella tranquilla Basilicata non succede mai nulla?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Rifiuti: In Basilicata “non succede mai niente” su Devilpress's Blog.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: