Rifiuti: Roma come Napoli?

settembre 27, 2011 § 2 commenti

Per una volta non parliamo di noi. O forse si. Alla fine di quest’anno la discarica di Malagrotta, sito dalle dimensioni “mostruose” e pesantemente inquinato, dovrà chiudere.

Detta così non sembra esserci nemmeno la notizia. In realtà la discarica serve tutta la capitale, dove la raccolta differenziata non arriva al 25%, e una sua chiusura potrebbe precipitare la situazione. E così mentre il suo proprietario, tale Cerroni più volte “beccato” dalle telecamere di Report, preme per una deroga, da più parti giudicata impossibile, Sindaco, prefetto e assessore all’ambiente cercano disperatamente una soluzione. Una nuova discarica ovviamente.

E già si sprecano i primi paragoni con la città partenopea, le polemiche divampano all’idea di vedere “Roma come Napoli“, ovvero invasa dai rifiuti e in “emergenza”. Cassandre involontarie le associazioni ambientaliste e numerosi giornalisti che in questi anni hanno inutilmente denunciato la situazione della capitale come “critica” e invitavano a non sottovalutare i rischi connessi all’esaurimento della discarica di Malagrotta.

Ma il Paese era troppo assorbito dall’eclatante crisi partenopea per accorgersi che quella era solo la punta di un iceberg, pardon di una montagna di munnezza, che vede tutto il territorio italiano alle prese con la gestione dei rifiuti e non certo solo la città di Napoli.

Ma si sa quelli “antropologicamente” incapaci di fare la differenziata siamo noi. Quelli che se lo meritano perchè le aziende del Nord venivano qui a scaricare i loro rifiuti. Senza capire che purtroppo quella di Napoli è solo una storia “simbolica”.

Simbolo di tutto un Paese incapace di gestire ed affrontare seriamente la questione dei rifiuti.

Rifiuti: Da Napoli alla Cina e ritorno

settembre 22, 2011 § Lascia un commento

Qualche giorno fa, Roberto Saviano, ha pubblicato un articolo molto amaro sulla fine del procedimento penale, per intervenuta prescrizione, a carico di un centinaio di imputati per inquinamento e disastro ambientale, nata dalla prima indagine sul traffico di rifiuti tossici “Cassiopea”.

Una indagine che, come ricorda Saviano, aveva svelato l’orrore di una terra avvelenata e ferita, che aveva messo sotto gli occhi di tutti le connivenze tra grande industria e malavita organizzata, che aveva evidenziato i pericoli derivanti dalla sottovalutazione legislativa di un reato, il disastro ambientale, che aveva trasformato la munnezza in oro per i clan.

Tutto finito, nessun colpevole e i cittadini a pagarne le conseguenze. Negli stessi giorni, però, sono usciti altri due articoli molto interessanti. Il primo parla degli affari che i clan camorristici stanno facendo in Cina, in una sorta di circolo vizioso e tossico, se prima i rifiuti arrivavano dal Nord Italia in Campania, adesso dalla nostra Regione vanno direttamente nel “Paese del dragone”, con grande soddisfazione dei boss, come racconta Enrico Caria.

Sarebbero circa due milioni le tonnellate di rifiuti di ogni genere che ogni anno partono verso il lontano Oriente, un affare da milioni di euro, curioso che proprio in questi giorni il nostro Ministro dell’economia voglia far comprare i nostri titoli di Stato proprio alla Cina, che procede spedito.

L’altra notizia è apparsa invece su diversi quotidiani e racconta di una protesta dei cittadini di Haining, sempre in Cina, contro una fabbrica di pannelli fotovoltaici. L’impianto, infatti, sversava tonnellate di liquami inquinanti nei fiumi circostanti, avvelenando l’ambiente. Ebbene i residenti hanno ottenuto, dopo giorni, non solo le scuse ufficiali dei vertici dell’azienda ma anche la promessa di bonifica (refrain che suona alle orecchie dei partenopei come tristemente noto e carico di oscuri presagi).

Magari finirà che persino i cinesi si stancheranno dei rifiuti tossici di stampo camorrista e finirà che ce li rimanderanno indietro, oppure troveranno qualche altro Paese, magari un’altra di quelle democrazie sui generis, a cui scaricare munnezza. In un gioco perverso che non ha vincitori e in cui l’Italia, e sottolineo l’Italia tutta, ha pesanti responsabilità. Un gioco che rischia di avere conseguenze drammatiche anche e sopratutto per noi.

Dove sono?

Stai visualizzando gli archivi per settembre, 2011 su Devilpress's Blog.