Rifiuti: una semplice domanda, anzi due

ottobre 12, 2011 § Lascia un commento

Più che un post, un dubbio, verrebbe da dire. C’è infatti una domanda che mi assilla, mi tormenta e mette a dura prova la mia già scarsa preparazione in matematica. Mi spiego meglio: da giorni si legge dell’accordo stilato dal Sindaco con alcuni comuni olandesi, per cui 25mila tonnellate di rifiuti partiranno a bordo di una “waste-flottilla“, come la chiama Carlo Tarallo su Dagospia, che entro Natale recapiterà questo bel “pacco” nei Paesi Bassi.

Ma nelle intenzioni dell’amministrazione le tonnellate dovevano essere ben 100mila, e chissà che poi non ci si arrivi, però serve una legge ad hoc. Intanto, in attesa che la differenziata decolli (quando invece scende: siamo al 15,7% dal 19%),  in Regione pensano ad altri inceneritori, come a Napoli Est anche se la gara è andata deserta, e a nuovi “siti di trasferenza” visto che gli Stir sono pieni quasi fino all’orlo. E dunque rispuntano di continuo ipotesi di riapertura di vecchie discariche o di allargamento di quelle esistenti (e la polemica su Chiaiano vi rientra a pieno titolo).

Ora, mi capita di leggere un comunicato della A2a che gestisce l’inceneritore di Acerra, poche righe, dove con visibile orgoglio l’azienda afferma: l’impianto funziona al 100%, da gennaio bruciate 440mila tonnellate di rifiuti. Obiettivo: 600mila per la fine dell’anno. Straordinario, aggiungo io, che non ho alcun titolo per mettere in dubbio le affermazioni della società, se si pensa che questo impianto non ha mai funzionato bene, che è stato fermo per anni e che è ormai tecnologicamente obsoleto.

Poi mi viene da pensare: l’impianto di Acerra dovrebbe servire sopratutto il capoluogo partenopeo, dove si producono circa 1200 tonnellate di rifiuti al giorno, che in un anno sono poco più di 400mila, ma se continuiamo a mandare rifiuti in Svezia, Germania, Olanda e come dice il Sindaco (di cui non ho alcun titolo per metterne in dubbio le affermazioni) tra un anno saremo al 50% e passa di differenziata, quale munnezza stanno bruciando ad Acerra?

Saranno mica i milioni di ecoballe, poco eco e molto balle, piene di tutto e oggetto del contendere nel processo che vede imputati Bassolino e l’Impregilo? Le stesse che il consulente della Procura Paolo Rabbitti, ha ritenuto che non si possano bruciare perchè piene di qualunque schifezza e non certo “fatte ad arte”?

E poi, visto che la A2a si vanta anche di aver prodotto 450 gigawattoni di energia elettrica, questo significa che l’amministrazione pubblica, Comune e Regione, ci abbasseranno la Tarsu, la più alta d’Italia, già a partire dall’anno prossimo?

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Rifiuti: una semplice domanda, anzi due su Devilpress's Blog.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: