Rifiuti: la nave fantasma

novembre 22, 2011 § Lascia un commento

La situazione si complica terribilmente. Al 30 settembre la differenziata in città segnava un misero 19%, più o meno lo stesso livello della giunta Jervolino, la discarica di Chiaiano è chiusa ed inagibile e quella di Terzigno è prossima alla saturazione. Insomma per il Sindaco le cose non si mettono bene sul fronte rifiuti e da più parti si teme un natale all’insegna dei sacchetti di munnezza. Sarebbe davvero un brutto colpo per una classe politica ed un Sindaco che davanti alle immagini del Natale scorso dissero tutti insieme: “mai più”.

A ciò si aggiunga che l’Unione Europea sta attendendo la scadenza del 27 novembre, quando il neo Governo Monti e gli organi regionali, dovranno dare una risposta seria e definitiva sul piano rifiuti. Altrimenti, come prevedono praticamente tutti a Bruxelles, ci verrà inflitta una multa salatissima, altro che i 500 milioni di euro di fondi che dovrebbero servire proprio a risolvere il problema dei rifiuti.

Eppure c’è ancora una “scialuppa di salvataggio” alla quale il Sindaco e la sua giunta potrebbe aggrapparsi per evitare di perdere la faccia e la fiducia dei napoletani: la flotta di navi che dovrebbe portare entro la fine di dicembre 150mila tonnellate di rifiuti in Olanda dove dovrebbero essere inceneriti.

Il condizionale è a questo punto più che d’obbligo, le navi dovrebbero già essere pronte e invece non se ne vede l’ombra. Il motivo è lo scetticismo degli olandesi stessi che vogliono “rassicurazioni” sulla nostra munnezza. Il Sindaco di Rotterdam pare abbia chiesto alla giunta De Magistris, l’invio di una documentazione completa sulla composizione della spazzatura che arriverà via mare, e la risposta potrebbe essere molto deludente per gli arancioni nordeuropei.

Oltretutto grazie a questa storia dei Paesi Bassi, grazie si fa per dire, anche la Toscana ha deciso di chiudere i suoi cancelli alla munnezza partenopea. E i rifiuti cominciano lentamente ad accumularsi, seguendo un copione tristemente noto alla maggior parte dei cittadini che ben ricordano il susseguirsi delle crisi negli ultimi dieci anni.

Per questo motivo la flotta marittima che dovrebbe salvarci dall’ennesima crisi appare sempre più lontana all’orizzonte, come quelle navi fantasma di cui è piena la letteratura dell’800. A Palazzo San Giacomo fanno il tifo nella speranza che non si tratti di un miraggio, a noi non resta probabilmente che associarci questa volta ai desideri del Sindaco, che però ha molto, ma molto da spiegare ai suoi concittadini.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Rifiuti: la nave fantasma su Devilpress's Blog.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: